INSPIRING COUPLES

INSPIRING COUPLES

Maggio 28, 2019 0 Di Ginevra

Ci sono tantissime coppie che hanno fatto la storia. Ognuno di noi ha le sue preferite per lo stile, il savoir faire o per quel non so che. 

Qui tre coppie che adoro del vecchio schermo.

LAUREN BACALL & HUMPHREY BOGART

TO HAVE AND HAVE NOT, Lauren Bacall, Humphrey Bogart, 1944

Quanto li ho amati, in particolare in “Acque del sud” (To Have and Have Not”) che fu il set galeotto, dove lei era alla prima esperienza recitativa ed aveva solo 19 anni mentre lui era di 25 anni più grande. Entrambi elegantissimi, con una voce bellissima e uno sguardo importante, non a caso lei fu soprannominata “The look”.

Vi metto il link di un bel articolo che racconta di come è nata la loro storia e alcuni aneddoti tra cui il fatto di come sia nato il “The look”: http://www.stravizzi.it/2017/10/03/humphrey-bogart-e-lauren-bacall/
 
Vi consiglio di vedere, oltre il già citato “Acque del sud”, “Il grande sonno” (“The big sleep”) e “La fuga” (“Dark Passage”), che sono i film più belli che hanno fatto assieme, sebbene anche gli altri non siano da meno. 
 
Una gif della mia scena preferita da “Acque del sud” che rimarrà memorabile tant’è che alla fine delle riprese Bogart regalò un fischietto d’oro alla Bacall su cui era stato inciso “If you need anything, just whistle”, in riferimento alla celebre battuta del film. Lauren portò sempre con sé il braccialetto con il ciondolo fino a quando lo ripose nella bara del marito, alla sua morte.
 
 

 

 
ELIZABETH TAYLOR & RICHARD BURTON
 
 
Altra coppia che fece scandalo, non tanto per la differenza d’età quanto per il fatto che erano entrambi già sposati ma se ne infischiarono. Come attori non li ho sempre adorati, ma devo dire che fin dal primo momento che hanno recitato assieme sul set galeotto, “Cleopatra”, girato a Roma nel 1961, hanno fatto scintille. Pare che la scena del bacio diventò leggenda fra i macchinisti di Cinecittà. Durante la ripresa fra le ciclopiche costruzioni volute dal regista Mankiewicz calò un silenzio innaturale, carico di tensione, a tal punto che un elettricista esclamò ”Ehi, quei due fanno sul serio” e capì quello che forse non sapevano ancora né Liz, né Richard. 
 

 
Nel 1963 si presentarono assieme alla prima di “Lawrence d’Arabia” e il resto è storia. Amore travolgente e passionale, si scrivevano grandi lettere e condividevano l’alcool.
 
Famoso fu il diamante da 69.42 carati a forma di pera poi nominato TaylorBurton Diamond. Elizabeth Taylor successivamente fece trasformare l’anello in una collana poiché lo trovava troppo pesante da indossare. La collana fu creata su misura seguendo il profilo del collo dell’attrice in modo da coprire la cicatrice dell’intervento di tracheotomia al quale si era sottoposta nel 1961.
 
L’ultima lettera la scrisse Richard, tre giorni prima di morire, per dirle che ancora la pensava ma giunse a destinazione troppo tardi, Elizabeth poi affermò: “Dai primi momenti a Roma siamo stati pazzamente innamorati. Ma non abbiamo avuto abbastanza tempo”
 
 
 
PAUL NEWMAN & JOANNE WOODWARD
 
La coppia perfetta, una delle più longeve della storia del cinema, 50 anni di matrimonio e nessuna scenata pubblica. Lui bellissimo e bravissimo, ho adorato il suo monologo in “La gatta sul tetto che scotta”, fu candidato un sacco di volte all’oscar e quando finalmente lo vinse per “Il colore dei soldi”, dopo aver preso quello alla carriera, si rifiutò di andare alla cerimonia per ritirarlo. Burbero ma dolcissimo con la moglie Joanne, gli sono stati affibbiati numerosi flirt senza prove, lui in giro diceva “Perché andare al ristorante a mangiare l’hamburger, quando a casa hai il filetto?”. Fecero numerosi film insieme e lei fu vicina a lui fino alla morte.
 
Una gif di una scena di “Dalla Terrazza”, uno dei tanti film che hanno fatto assieme